INNOVATORI DA TUTTO IL MONDO PER EXPO LIVE SUMMIT

Oltre 100 innovatori sostenuti da Expo 2020 e provenienti da tutto il mondo si sono dati appuntamento a Dubai per confrontarsi e condividere le loro soluzioni innovative ad alcune delle sfide globali più impellenti.  Tenutasi a Downtown Dubai, la tre giorni annuale di Expo Live Global Innovators Summit rappresenta l’evento simbolo di Expo Live, il programma di Expo 2020 a sostegno dell’innovazione che ha investito 100 milioni di dollari per finanziare tecnologie avanzate attraverso progetti di consulenza, visibilità e fondi fino a 100.000 dollari.  L’edizione 2019 del summit, dal tema “La passione incontra le competenze”, ha visto partecipare partner di Expo 2020, esperti e la variegata famiglia di Expo Live, tutti riuniti per supportare i 120 “innovatori globali”, beneficiari dei premi in denaro, così da creare nuove opportunità di un futuro migliore. Nonostante le migliaia di chilometri che li dividono geograficamente, tutti e 120 gli innovatori globali sono accomunati dal medesimo impegno: costruire un futuro migliore per le generazioni a venire. Expo Live supporta con orgoglio le loro soluzioni innovative per trasformare questo obiettivo in realtà su scala planetaria, alimentando l’ottimismo e dimostrando al mondo che le innovazioni rivoluzionarie possono arrivare da chiunque e da qualunque luogo.  Tra i beneficiari presenti quest’anno anche Unique Quality Product Enterprise, un’impresa sociale a gestione femminile con sede in Ghana che aiuta le donne emarginate a coltivare il fonio, un cereale spontaneo molto nutriente, che cresce anche in condizioni climatiche ostili.  L’impresa è stata fondata da Salma Abdulai, cresciuta in un contesto in cui era difficile per le donne emanciparsi ed avere la possibilità di lavorare nei campi. Un progetto che punta a creare uno stile di vita sostenibile che non lasci nell’emarginazione l’universo femminile. Con l’aiuto di Expo Live, che prevede una buona esposizione mediatica, supporto tecnico e finanziario, già 1.500 donne dedite all’agricoltura hanno migliorato le loro condizioni di vita in Ghana proprio grazie alla coltivazione del fonio.