il procurement

Ecco le fasi del processo di procurement:

  • 1) Pubblicazione del programma delle opportunità
  • 2) Pubblicazione della RFI
  • 3) Risposta alla RFI
  • 4) Revisione delle proposte ricevute da parte di Expo2020
  • 5) Pubblicazione della RFQ (tender) (tecnica + economica)
  • 6) Sottomissione della proposta (Expo non richiede un bid bond ma soltanto una garanzia scritta che il proponente si sottragga alla gara). La validità delle offerte prevista da Expo è di 60 giorni contro 120 giorni che è lo standard normalmente in vigore per le gare internazionali.
  • 7) Valutazione delle proposte da parte di Expo2020 in forma separata (due diverse commissioni) rispettivamente per la proposta tecnica e la proposta economica. La ponderazione dipendedalla complessità della gara
  • 8) Determinazione di una shortlist delle offerte e presentazioni da parte dei concorrenti
  • 9) Completamento del processo di valutazione
  • 10) Ottenimento della firma di chiusura
  • 11) Expo emette l’ordine di Acquisto/Contratto
  • 12) Aggiudicazione
  • 13) Consegna e pagamento.

Affinché imprese internazionali partecipino al processo di procurement per la fornitura di beni e di alcuni servizi non viene richiesta alcuna licenza commerciale, altrimenti necessaria per operare a Dubai. Tuttavia una volta ottenuta l’aggiudicazione di una gara, è necessario dotarsi di una licenza locale. La licenza, invece, viene sempre richiesta alle imprese di servizi che lavorino fisicamente nel sito di Expo 2020. C’è anche un programma dedicato alle Start-up, EXPO Live, per finanziare con 100 milioni di euro, in contributi dai 50.000 ai 2 milioni di euro, progetti innovativi, legati al tema “Connecting Minds, Creating the Future” e/o ai sotto-temi Opportunità, Mobilità, Sostenibilità.