ESPERIENZE GASTRONOMICHE IRRIPETIBILI A EXPO 2020

Chi visiterà Expo 2020 può aspettarsi, tra le tante cose, un’esperienza gastronomica unica. Infatti, a Dubai, sulla più grande fattoria verticale al mondo, saranno coltivati i prodotti freschi che verranno poi serviti a milioni di persone durante l’evento. Frutto di una collaborazione con Emirates Flight Catering (EKFC) per fornire una variegata scelta culinaria mostrando al contempo il futuro della gastronomia sostenibile, i ristoranti dell’esperienza culinaria di Expo adotteranno le cucine di tutti i paesi partecipanti – permettendo ai clienti di provare sapori, ingredienti, e materie prime da tutto il mondo.  Ci saranno scelte per tutti i gusti, con oltre 50 cucine diverse da provare in un’area grande come 7 campi da calcio, capace di servire oltre 300.000 pasti al giorno durante i sei mesi di festa che avranno inizio il 20 ottobre 2020. Con 50 milioni di pasti serviti previsti durante il corso di Expo 2020, sia la qualità che la sostenibilità sono indispensabili per centrare l’obiettivo di un’Expo eccezionale (e squisita), contribuendo allo stesso tempo ad un futuro sostenibile per tutti. Expo 2020 ed Emirates Flight Catering condividono questo obiettivo e non vediamo l’ora di poterci scambiare nuove idee e conoscenze in proposito.  Nel quadro del grande impegno per l’ambiente di Expo, ogni ristoratore che parteciperà a Expo 2020 dovrà aderire al Food Ethos, un documento che mira a promuovere la sostenibilità e la salute attraverso l’uso di materie prime a km 0, biologiche e confezionate in modo ecologico. Il Food Ethos promuove anche prezzi accessibili e incoraggia gli esercenti ad offrire alternative per allergici e intolleranti.